UNA BOMBA A OROLOGERIA

Spread the love

Mi scuso se non ho scritto fin’ora. La sera arrivo sempre all’ora di chiusura del generatore che sto ancora lavorando. Cosi scrivo adesso sperando che non arrivino i contractors e gli infermieri a chiedere qualcosa il che si traduce in continue interruzioni. Dalle 6 di stamattina sono stata chiamata per telefono già 6 volte (Zimmi, maternità, holding centre, nuove assunzioni ecc.)
Come sapete il nuovo centro di isolamento è finito, ho cominciato ad assumere il personale con regolare contratto e oggi cominceremo il trasferimento.
In questo momento la paura è che i malati arrivino da Bo e Freetown. Malen, è una bomba ad orologeria, ci sono circa 5000 lavoratori della Socfim che al fine settimana tornano a Bo o in altri distretti. Ho suggerito di chiudere l’entrata e l’uscita da e per Malen ma sembra difficile….
Nel frattempo c’è un focolaio anche a Kono, non succedeva da tempo, ed un altro a Bo: casi in ascesa. Insomma, c’è da stare contenti ad avere un Centro di isolamento nuovo, disponibile, vicino, e fatto a regola d’arte.

Clara Frasson

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *